Ripresa euro in ritardo per l’abitudine di pagare oltre scadenza.

By | 20 aprile 2015

ripresa euro in ritardoIn Europa occidentale, pur con notevoli differenze all’interno dei vari Paesi, i ritardi di pagamento delle fatture nelle operazioni commerciali tra imprese restano elevati. Questo potrebbe rallentare la ripresa economica nella regione, ancora debole in particolare nella zona Euro, e mantenere i tassi di insolvenza al di sopra dei livelli del 2007.

Ripresa euro in ritardo.

I comportamenti di pagamento rilevati tra aziende a livello internazionale, abbiamo analizzato quelli per l’Europa occidentale, evidenziano che circa due quinti del valore totale delle fatture emesse nei confronti di aziende clienti sul mercato domestico ed all‘estero, da parte dagli intervistati in Europa occidentale, non è stato pagato alla scadenza.

Di questi il 7% è risultato ancora sospeso trascorsi novanta giorni dalla scadenza della fattura, aumentando significativamente la probabilità di passare al recupero del credito, mentre l’1,2% è stato considerato inesigibile, e quindi non si è mai trasformato in incasso.

In Danimarca e Svezia si registra la maggiore attenzione verso un’efficace gestione dei crediti commerciali. In Italia e Grecia, invece, vengono rilevati i livelli più elevati di mancati pagamenti ed insolvenze, in particolare sul mercato domestico.

In Italia il 50,2% del valore totale delle fatture emesse per vendite a credito tra imprese sul mercato interno risulta non pagato alla scadenza.

Quello dell’Italia è il dato più alto fra i Paesi dell’Europa occidentale, ben al disopra della media europea (40,2%),

Nell’ambito della congiuntura economica in molti Paesi dell’Europa occidentale, i problemi di liquidità rimangono il motivo principale dei ritardi di pagamento (51,4% degli intervistati rispetto ai ritardi sul mercato domestico e il 37% rispetto ai ritardi da clienti stranieri).

Sono la Grecia (84% rispetto ai clienti domestici e 57,1% a quelli stranieri) e l’Italia (73,0% rispetto ai clienti domestici e 48,3% a quelli stranieri) a registrare con più frequenza di altri Paesi i casi di pagamento in ritardo delle fatture.

Quasi la stessa percentuale d’intervistati in Europa occidentale, che ha indicato nei problemi di liquidità dei clienti la causa dei ritardi di pagamento, ha espresso il parere che le fatture in sospeso vengano utilizzate dai clienti come una fonte di finanziamento alternativa.

I costi amministrativi e finanziari legati alla gestione dei crediti scaduti possono essere di notevole entità per i fornitori, e risultare quindi un elemento di erosione della redditività aziendale.

A causa di questi fattori è scontata una ripresa euro in ritardo.

Rispondi